Tutti i Nessi(e)

  • Il canto del profeta / Paul Lynch

    Giovedì 2 maggio 20:30
  • La famiglia / Sara Mesa

    “In questa famiglia non ci sono segreti”, proclama all’inizio del libro Damián, il padre, un uomo di idee e ideali granitici, ossessionato dalla rettitudine e che considera la sua famiglia “Il Progetto”. Ma questa casa senza segreti è in realtà piena di crepe, e l’atmosfera oppressiva che aleggia tra le sue mura creerà, alla lunga, ipocrisie, inganni, menzogne e, alla fine, un irrefrenabile desiderio di fuga.
  • La stanza di Giovanni / James Baldwin

    David, un giovane newyorkese in fuga da se stesso, è approdato a Parigi nel tentativo di affrancarsi dalla propria educazione, e dalla vita da ragazzo perbene che sembra essergli stata cucita addosso.
    Mentre la sua fidanzata, Hella, è in Spagna per riflettere sul futuro della loro storia, in un bar David conosce Giovanni, impertinente e luminoso, e ne rimane irrimediabilmente attratto.
    E dal loro incontro, dal primo momento in cui entra nella sua stanza, piccola e disordinata, saprà di essere perduto, che né la vergogna né la paura riusciranno a riportarlo a casa.Diviso tra Hella che incarna il desiderio di normalità, il sogno di una tranquilla vita americana, e Giovanni che invece è forza, cuore e istinto, David attraversa le strade di Parigi, vede i colori e le stagioni passare, sente passioni e bisogni taciuti riemergere e chiedere il conto. La difesa della propria identità implica sempre una lotta dolorosa, e così è anche per David, solo che la sua debolezza e la sua indecisione faranno soffrire tutti coloro che lo amano e che lui stesso ama.
  • Prima e dopo / Alba De Cespedes

    Prima e dopo è un romanzo della scrittrice italiana Alba de Céspedes, pubblicato per la prima volta nel 1955 in Italia da Mondadori, ripubblicato nel 2023 dalla casa editrice Cliquot. Irene, una giovane donna in apparenza solida, forte, professionalmente affermata, indipendente, colta, affettivamente appagata, è indotta da un avvenimento banale e casuale – le inaspettate ed inspiegabili dimissioni della sua giovanissima cameriera Erminia – ad una riflessione sulla propria vita, sul suo passato, sulle sue scelte, sulla sua condizione sociale, sulla sua educazione. La sua crisi coinvolgerà l’intero suo universo, a partire dal suo mondo affettivo e lavorativo: Pietro, suo collega di lavoro e amante, Adriana, la sua amica più cara, le sorelle Marta e Luciana, tra gli altri. La de Céspedes utilizza qui un espediente narrativo cui era già ricorsa in Quaderno proibito: un avvenimento fortuito e insignificante origina in una donna apparentemente tranquilla e soddisfatta una profonda riflessione sul senso della propria vita; e, come in Quaderno proibito, la narrazione di tale crisi e della progressiva presa di coscienza della protagonista è un pretesto di cui l’autrice si serve per descrivere e analizzare non solo l’umiliante condizione femminile e il conformismo e la pusillanimità della società italiana del tempo ma anche, se non soprattutto, il disagio esistenziale, l‘inquietudine e la solitudine dell’individuo posto innanzi alla responsabilità delle proprie scelte, della propria vita; in sostanza, de Céspedes indaga la condizione umana.
  • Corpicino / Tuono Pettinato

    18 dicembre ore 20:30

    Corpicino è la storia di un delitto efferato, un infanticidio, e della forza del giornalista Martinelli, che cerca di risolvere l’enigma della morte del piccolo Marcellino Diotisalvi. L’onesto reporter di nera troverà davanti a sé le miserie televisive che lucrano sul caso e dovrà affrontare le miserabili richieste dei suoi superiori, che rimproverano a Martinelli di non essere abbastanza truce nei suoi articoli, come il pubblico brama. Martinelli troverà però un aiuto nelle parole del suo mentore, il professor Giraldi. Ma basteranno i consigli del saggio criminologo? Martinelli è davvero pronto a affrontare l’Orrore? Chi ha ucciso Marcellino? Chi è il Mostro? Datelo alla folla! Inizia con il bosco e finisce con l’abisso, i luoghi altri, dove la civiltà non esiste e la morte avviene. Tra il bosco e l’abisso si dispiega il mondo dove viviamo noi, tutti, ed è lo spazio dell’orrore e del ridicolo. Questa, ridotta all’essenziale, è la mappa di Corpicino, che a dieci anni dalla prima edizione risulta più chiara, aperta all’indagine e diretta nel restituire le proporzioni di un’opera fondamentale.